Inizio pagina Salta ai contenuti

Salzano

Provincia di Venezia - Regione del Veneto


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Giugno  2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
             

Altro


Chiesa di San Bartolomeo Apostolo

La Chiesa, dedicata a San Bartolomeo, costruita in stile classico toscano, risale alla prima metà del XIX secolo.

Sulla facciata, lateralmente al portale d’accesso, in due nicchie, sono poste le statue di San Giovanni Battista e di San Bartolomeo (rispettivamente copatrono e patrono della parrocchia).

Appena entrati dalla porta maggiore la chiesa si presenta solenne ma armoniosa; suddivisa in tre navate presenta quattro cappelle sulle pareti laterali e, sul lato sud, la più ampia cappella del Sacro Cuore di Gesù nella quale è presente una ricostruzione della Grotta di Lourdes, allestita per sciogliere un voto fatto alla Vergine durante la Grande Guerra.

Nel soffitto della chiesa si può ammirare la “Gloria di san Bartolomeo” dipinta da Sebastiano Santi nel 1849.

Numerose nella chiesa, oltre che nel museo a lui dedicato, le opere legate a S. Pio X:

  • Il busto posto sul portale d’accesso alla Cappella del S. Cuore.
  • Il Battistero, dono del Papa Pio X, nel 1911, alla Parrocchia di Salzano.
  • La cappella (originariamente della Croce) dedicata a Pio X in occasione della sua beatificazione (1951).
  • I quattro affreschi realizzati fra il 1955 e il 1956 da T. Licini che raffigurano l’apostolato pastorale a Salzano (“San Pio X e Il catechismo”, “San Pio X e i colerosi”, “S. Pio X e l’eucarestia”, “San Pio X e i lavoratori”)
  • L’affresco “Giuseppe Sarto giovanetto e la sua vocazione sacerdotale”, posto sopra la porta nord, realizzato nel 1955 da Orlando Sorgato.

Tra le numerose altre opere presenti, nominiamo solamente i due angeli posti lateralmente all’altare maggiore, scolpiti dal Beato Fra’ Claudio Granzotto (1900-1947) e alcune opere più antiche:

la "Madonna della Roata" (XVI sec.) e il tabernacolo del relativo altare (XVII sec.), il crocifisso (XVII sec.) e il pregevole altare del Settecento, oggi dedicato a S. Pio X, donato da Filippo Donà (proprietario dell’omonima Villa, attualmente Sede Comunale) che lo fece erigere “per carità e devozione, per la maggior gloria di Dio e beneficio del popolo di Salzan acciò mi facci la carità di pregar Dio per me in vita e dopo morte”.

 

Di notevole bellezza il Campanile, di mole alta, snella, terminante con una guglia sormontata da un angelo. La sua costruzione fu iniziata nel 1712 e terminata nel 1880. L'attuale campanile fu rifinito nel 1879, la sua altezza è di 67 metri; il materiale usato per la costruzione è la pietra della Val di Sole.

 

Il Monumento ai Caduti, presente sempre in piazza Pio X, fu progettato dall’arch. Domenico Rupolo di Venezia. Realizzato in marmo bianco, contiene molti degli elementi tipici delle cultura rievocativa del mito dei caduti. Il monumento ai 114 caduti venne inaugurato solennemente il 21 novembre 1921 alla presenza delle autorità civili e religiose e di una grande folla. Ai nomi dei caduti nella Grande Guerra vennero in seguito aggiunti i nomi dei soldati morti nel corso della Seconda Guerra Mondiale.

 



Indirizzo:

piazza Pio X


tel.:

(+39) 041.437006


e-mail:

salzano.parrocchia@gmail.com

Orario:

lun. – dom. h.8.00–12.00/15.00–19.00

(le visite non sono ammesse durante le funzioni)

Sono possibili visite guidate su appuntamento.


Feedback su questo contenuto

vota
0.0 media
(0 voti)



via Roma, 166 30030 Salzano (VE)
Partita I.v.a. 01536640277 - C.F. 82007420274
info@comune.salzano.ve.it Pec comune.salzano.ve@pecveneto.it