Inizio pagina Salta ai contenuti

Salzano

Provincia di Venezia - Regione del Veneto


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Maggio  2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
             

Autorizzazione Paesaggistica Semplificata

Dove rivolgersi

Ufficio Beni Ambientali
sede  villa Comunale, via Roma 166
secondo piano
telefono  041.5709750
responsabile di Area  dott. Maurizio Bolgan
e-mail  urbanistica@comune.salzano.ve.it

Descrizione e requisiti

L'autorizzazione si richiede per la realizzazione di interventi di lieve entità (elenco allegato al D.P.R. 9.LUG.10 , n. 139) ricadenti in area a vincolo paesaggistico. Fascia di m 150 dai fiumi/canali: Rio Storto, Marzenego, Roviego, Cimetto, Musone.

 

Requisiti:

Proprietà o altro titolo reale sull'immobile o sull'area gravata da vincolo paesaggistico (avente titolo).

 

Modalità di richiesta

L'autorizzazione è propedeutica all'ottenimento del titolo edilizio abilitativo ai lavori. Pertanto, la domanda e l'autorizzazione devono anticipare l'esecuzione dei lavori.

Documenti da presentare

- Istanza in bollo su apposito modulo;

- Relazione paesaggistica semplificata redatta ai sensi del D.P.C.M. 12.DIC.05.

Iter della pratica

  • Ricevuta la domanda, l’Ufficio competente al rilascio dell'autorizzazione verifica preliminarmente se l'intervento progettato non sia esonerato dall'autorizzazione paesaggistica, ai sensi dell'art. 149 del D.Lgs. 22.GEN.04, n. 42, oppure se sia assoggettato al regime ordinario, di cui all'art. 146 del D.Lgs. 22.GEN.04, n. 42. In tali casi, rispettivamente, comunica al richiedente che l'intervento non è soggetto ad autorizzazione oppure richiede le necessarie integrazioni ai fini del rilascio dell'autorizzazione ordinaria.
  • Se l'intervento richiesto è assoggettato ad autorizzazione semplificata, l'Ufficio comunica all'interessato l'avvio del procedimento e, ove occorrano, richiede un'unica volta i documenti e i chiarimenti indispensabili, che sono presentati o inviati in via telematica entro il termine di 15 giorni dal ricevimento della richiesta. Il procedimento resta sospeso fino alla ricezione della documentazione integrativa. Decorso inutilmente il suddetto termine, l'Ufficio conclude comunque il procedimento.
  • Entro 30 giorni, l’istruttore, se di sua competenza, verifica la conformità dell'intervento progettato alla disciplina urbanistica ed edilizia. Qualora non di sua competenza, verifica l'attestazione dell’Ufficio comunale preposto o l'asseverazione prescritta per gli interventi sottoposti a denuncia di inizio di attività, già presentata all'atto della domanda. In caso di non conformità dell'intervento progettato alla disciplina urbanistica ed edilizia, l'Ufficio dichiara l'improcedibilità della domanda di autorizzazione paesaggistica, dandone immediata comunicazione al richiedente.
  • Se la verifica ha esito positivo, l'Ufficio, acquisito il parere della Commissione Comunale Edilizia integrata dagli esperti in materia di BB.AA., valuta la conformità dell'intervento alle specifiche prescrizioni d'uso contenute nel piano paesaggistico o nella dichiarazione di pubblico interesse o nel provvedimento di integrazione del vincolo, ovvero la sua compatibilità con i valori paesaggistici presenti nel contesto di riferimento. Invece, in caso di esito negativo, l'Ufficio invia comunicazione all'interessato, ai sensi dell'art. 10-bis della Legge 7.AGO.90, n. 241 e s.m.i, assegnando un termine di 10 giorni dal ricevimento della stessa per la presentazione di eventuali osservazioni. La comunicazione sospende il termine per la conclusione del procedimento. Ove, esaminate le osservazioni, persistano i motivi ostativi all'accoglimento, l’Ufficio rigetta motivatamente la domanda entro i successivi 10 giorni.
  • Entro 20 giorni dalla ricezione del provvedimento di rigetto, l'interessato può chiedere al Soprintendente di pronunciarsi sulla domanda. L’Ufficio che ha adottato il provvedimento negativo, entro 10 giorni, può inviare le proprie deduzioni al Soprintendente, il quale dispone di ulteriori 30 giorni per verificare la conformità dell'intervento alle prescrizioni d'uso del bene paesaggistico ovvero la sua compatibilità paesaggistica e decidere in via definitiva, rilasciando o negando l'autorizzazione.
  • In caso di valutazione positiva della conformità ovvero della compatibilità paesaggistica dell'intervento, l’Ufficio provvede immediatamente e, comunque entro il termine di 30 giorni dal ricevimento della domanda, a trasmettere alla Soprintendenza una motivata proposta di accoglimento della domanda stessa. Se anche la valutazione del Soprintendente è positiva, questi esprime il suo parere vincolante favorevole entro il termine di 25 giorni dalla ricezione della domanda, della documentazione e della proposta, dandone immediata comunicazione, ove possibile per via telematica, all'Amministrazione competente al rilascio dell'autorizzazione. In caso di mancata espressione del parere vincolante entro il termine sopra indicato (25 giorni) l'Ufficio rilascia l'autorizzazione senza indire la Conferenza di Servizi di cui all'art. 146, comma 9, del D.Lgs. 22.GEN.04, n. 42.
  • L’Ufficio adotta il provvedimento conforme al parere vincolante favorevole nei 5 giorni successivi alla ricezione del parere stesso e ne da' immediata comunicazione al richiedente e alla Soprintendenza. In caso di valutazione negativa della proposta ricevuta, il Soprintendente adotta entro 25 giorni dal ricevimento della stessa, il provvedimento di rigetto dell'istanza, previa comunicazione all'interessato dei motivi che ostano all'accoglimento. Il provvedimento di rigetto è immediatamente comunicato all'Amministrazione competente ed all'interessato. In caso di parere obbligatorio e non vincolante del Soprintendente, ai sensi del comma 10, il provvedimento di rigetto è adottato dall'Amministrazione competente al rilascio dell'autorizzazione.

Contributi da versare

Diritti di segreteria come da tabella (vedi allegati).

Termini del procedimento

30 giorni

Normativa di riferimento

Art. 146 D.Lgs 22.GEN.04, n. 42 e s.m.i;

D.P.C.M. 12.DIC.2005;

D.P.R. 9.LUG.10, n. 19.

Tipolgia del provvedimento finale

Autorizzazione

Responsabili

Responsabile del procedimento e del provvedimento finale:

dott. Maurizio Bolgan

tel. 041.5709750

e-mail: maurizio.bolgan@comune.salzano.ve.it


Allegati

Soggetto con poteri sostitutivi

Regiove Veneto

Data aggiornamento scheda

24/06/2014
via Roma, 166 30030 Salzano (VE)
Partita I.v.a. 01536640277 - C.F. 82007420274
info@comune.salzano.ve.it Pec comune.salzano.ve@pecveneto.it