Inizio pagina Salta ai contenuti

Salzano

Provincia di Venezia - Regione del Veneto


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Luglio  2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
             

Documento del Sindaco

DOCUMENTO PROGRAMMATICO

Variante n. 2 al Piani degli Interventi

 

CONTENUTI DELLA VARIANTE N. 2

Il Piano degli Interventi prende forma all'interno della nuova cornice strategica definita dal PAT, aggiornando e adeguando la disciplina urbanistica vigente alle direttive, prescrizioni e vincoli stabiliti dal PAT medesimo.

 

La seconda variante al PI ha il seguente oggetto: redazione del Primo PI per l'adeguamento al PAT, comprensivo di modifiche alla zonizzazione, al dimensionamento e relative agli obiettivi del Documento Unico di Programmazione (DUP), approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 6 del 23.FEB.18 afferenti le seguenti tematiche:

1. RIGENERAZIONE DEL CENTRO STORICO DI SALZANO - Definire un masterplan generale finalizzato alla revisione dell'attuale piano particolareggiato del centro storico.

2. DISCIPLINA DELLO SVILUPPO RESIDENZIALE - Adeguare le previsioni di sviluppo residenziale dettate dagli strumenti attuativi esistenti nel PRG vigente, individuandone il livello di attuazione e revisionandone eventualmente la disciplina, al fine di migliorarne la sostenibilità, agevolarne l'attuazione, anche attraverso l'assunzione di parametri edilizi e urbanistici maggiormente coerenti con le dinamiche abitative, o risolvere problematiche correlate al mutamento dello scenario viabilistico locale.

3. DISCIPLINA DEL CREDITO EDILIZIO E DEI TERMINI DELLA PEREQUAZIONE - Definire una strategia di utilizzo degli strumenti del credito edilizio e della perequazione per incentivare la riqualificazione urbana e territoriale e un'equa distribuzione dei diritti edificatori e degli oneri derivanti dalla realizzazione delle dotazioni territoriali.

4. RIGENERAZIONE URBANA AI SENSI DELLA L.R. 14/17 - Assumere la rigenerazione urbana come politica strategica orientata al miglioramento della qualità ambientale, ecologica e sociale dell'insediamento, finalizzata al raggiungimento di uno sviluppo urbano più intelligente, sostenibile e inclusivo, promuovendo politiche mirate al riuso dei suoli, alla riconversione o riutilizzo di aree dismesse, rigenerazione ambientale degli spazi aperti, efficientamento energetico degli edifici, integrazione del verde privato, pubblico ed extraurbano in una logica di rete multifunzionale.

5. REVISIONE DELLE SCHEDE NORMA - Attuare una revisione di alcune schede norma del PRG vigente finalizzate a interventi di rigenerazione e qualificazione di aree dismesse, al fine di migliorarne la sostenibilità ambientale, agevolandone contestualmente la fattibilità.

6. MODIFICHE PUNTUALI - Individuare e inserire modifiche puntuali di tipo cartografico o alla zonizzazione/carature urbanistiche per adeguare i tematismi del PI alle dinamiche emerse dai punti precedenti, per avviarne l'aggiornamento rispetto alla situazione attuale, per agevolare interventi coerenti con gli obiettivi del PAT e della presente variante, nonché ritenuti strategici dall'Amministrazione anche in relazione alla loro ricaduta pubblica e collettiva.

 

PROCEDURA

1. DOCUMENTO PROGRAMMATICO DEL SINDACO: L'Amministrazione comunale predispone un documento, che introduce e precede la viariante al PI, in cui sono evidenziati, secondo le priorità, le trasformazioni urbanistiche, gli interventi, le opere pubbliche da realizzarsi, nonché gli effetti attesi, e lo illustra nel corso di un apposito Consiglio Comunale.

Deliberazione C.C. del 27.SET.18, n. 50

Documento del Sindaco

Sintesi del Documento del Sindaco

2. PARTECIPAZIONE E CONSULTAZIONE: Dopo l'illustrazione del Documento del Sindaco, dovranno essere attivate forme di consultazione, partecipazione e di concertazione con altri enti pubblici, associazioni economiche e sociali eventualmente interessate, cittadinanza.

Verbale fase di partecipazione 25.10.2018

3. ELABORAZIONE DELLA VARIANTE AL PI: La redazione della variante al PI avverrà in due fasi: la redazione di una bozza della variante al PI e la predisposizione degli elaborati finali a seguito dell'approvazione formale della bozza da parte dell'Amministrazione comunale.

4. ACQUISIZIONE DEI PARERI: Prima dell'adozione, dovrà essere inviata agli enti competenti (Genio Civile e Consorzi di Bonifica) la richiesta di parere relativamente alla compatibilità idraulica. I pareri relativi dovranno essre acquisiti prima dell'approvazione della variante. Se la variante al PI riguarda temi non valutati dalla VAS del PAT, la stessa dovrà essere accompagnata dalla documentazione necessaria per la verifica di assoggettabilità alla VAS. La variante dovrà inoltre essere corredata da una dichiarazione di non necessità della VINCA (Valutazione di Incidenza Ambientale).

5. ADOZIONE: La variante è adottata dal Consiglio Comunale.

6. DEPOSITO: Entro otto giorni dall'adozione, la variante al PI è depositata a disposizione del pubblico per trenta giorni consecutivi presso la sede del Comune. Dell'avvenuto deposito è data notizia mediante avviso pubblicato nell'albo pretorio on-line del Comune e su almeno due quotidiani a diffusione locale. Il Comune può attuare ogni altra forma di divulgazione ritenuta opportuna.

7. PERIODO DESTINATO ALLE OSSERVAZIONI: Entro i successivi trenta giorni chiunque può formulare osservazioni.

8. APPROVAZIONE: Nei sessanta giorni successivi alla scadenza del termine per la presentazione delle osservazioni, il Consiglio Comunale decide sulle stesse e approva la variante al PI. In fase di approvazione la variante al PI dovrà essere corredata dai pareri relativi alla compatibilità idraulica e dal parere regionale in merito alla verifica di assoggettabilità a VAS e VINCA.

9. TRASMISSIONE E DEPOSITO: Copia integrale della variante al PI approvata è trasmessa alla Provincia ed è depositata presso la sede del Comune per la libera consultazione.

10. EFFICACIA: La viariante al PI diventa efficace quindici giorni dopo la pubblicazione all'albo comunale dell'avviso dell'avvenuta approvazione da effetuarsi a cura del Comune.

Data l'articolazione ela complessità dei temi, si potrà procedere anche con provvedimenti approvati separati e consequenziali riferiti alle diverse tematiche del PI.

 

via Roma, 166 30030 Salzano (VE)
Partita I.v.a. 01536640277 - C.F. 82007420274
info@comune.salzano.ve.it Pec comune.salzano.ve@pecveneto.it